PECOB Portal on Central Eastern
and Balkan Europe
by IECOB & AIS
Università di Bologna  
 
Saturday February 04, 2023
 
Testata per la stampa
Library

This area collects and offers a wide range of scientific contributions and provides scholars, researchers and specialists with publishing opportunities for their research results

 
 
East, rivista internazionale di geopolitica
 
European Regional Master's Degree in Democracy and Human Rights in South East Europe
Feed RSS with the latest puyblication in the PECOB's papers series
 

La trilogia di Ivan Klima: la storia, i primi amori, il dissenso

September 2012 | #27

by: Maria Teresa Iervolino
pp: 60
ISSN: 2038-632X

Paper's frontpage
Pecob's Paper Series

Abstract

Questo lavoro propone un’analisi per la lettura guidata di "Miriam", un racconto di Ivan Klíma, nella traduzione in italiano.
"Miriam" è il primo dei sei racconti della raccolta I miei primi amori che con I miei allegri mattini e I miei mestieri d’oro costituisce un "trittico" interamente autobiografico.
Il motivo intertestuale della biografia dell’autore conferisce unità tematica ai racconti che possono essere interpretati come un tracciato o una mappa di sogni e percorsi reali che hanno formato Ivan Klíma come uomo e scrittore.
Della raccolta I miei allegri mattini e I miei mestieri d’oro (entrambe dedicate all’esperienza del dissenso in Cecoslovacchia negli anni Sessanta e Settanta) sono analizzati il punto di vista dell’autore e le sue posizioni rispetto al del regime totalitario, mentre de I miei primi amori è esaminato il vissuto adolescenziale dell’autore-personaggio ripercorso dallo sguardo del narratore.
"Miriam" è ambientato nel ghetto della città fortezza di Terezín dove, per le origini ebraiche, Klíma fu imprigionato con la famiglia dal 1941 al 1945. Centro del racconto è l’amore fanciullesco dell’autore per Miriam, la ragazza addetta alla distribuzione del latte per i prigionieri di Terezín.
La conoscenza del "sottotesto" permette di decodificare ogni racconto ripercorrendo la realtà storica attraverso le esperienze personali dell’autore. Essa, inoltre, consente di sviscerare il significato profondo del cammino individuale di Klíma nella storia, dall’esperienza della seconda guerra mondiale alla dittatura totalitaria, con il conseguimento della libertà creativa in uno spazio interiore proprio attraverso la scrittura. Dal ghetto di Terezín, Ivan Klíma, testimone diretto della più grande tragedia dell’umanità, anche attraverso le speranze e le sofferenze del primo amore giovanile, comincia il percorso che lo vedrà protagonista del Novecento ceco: prigioniero nei campi nazisti, dissidente, eroe perseguitato e promotore della lotta per la conquista della democrazia.

 

Keywords

Dissenso, dissidente, Terezín, ghetto, totalitarismo, comunismo, letteratura ceca, Novecento, repressione, amore, scrittura, libertà, esilio, Shoah, sottotesto.

Table of contents

Abstract
Key words
Abstract
La Storia e i primi amori
L’esperienza del dissenso e l’intreccio narrativo
Miriam: una luce nel buio
Miriam: traduzione in italiano
Postfazione
La storia e il sottotesto
I personaggi
Maria Teresa Iervolino

Download the paper

Version

Mirees

Find content by geopolitical unit

Sponsors