PECOB Portal on Central Eastern
and Balkan Europe
by IECOB & AIS
Università di Bologna  
 
Wednesday January 26, 2022
 
Testata per la stampa
Books

This area collects information about a wide range of books, monographies and edited volumes concerning the countries and themes relevant to PECOB

 
 
East, rivista internazionale di geopolitica
 
European Regional Master's Degree in Democracy and Human Rights in South East Europe
Feed RSS with the latest information on books published on PECOB
 

Trans Europa Express

by: Paolo Rumiz
published by
: Feltrinelli
pp: 256
ISBN: 9788807019272
price: Eur 18

Book's frontpage

Ancora una volta, Rumiz sceglie i luoghi dimenticati dal turismo, ma anche dalle istituzioni, alla ricerca di minoranze storiche aggrappate ad antichi rituali. Paesaggi ancora autenticamente contadini, contrabbandi transfrontalieri da film, il vuoto lasciato dagli ebrei e i danni dei pogrom, l’impareggiabile ospitalità degli Ultimi, la meraviglia dei treni russi con i loro samovar, i campanili a cipolla, i mercati con ogni ben di Dio, le locande dove si coagula un’umanità pittoresca. Un elogio commovente ad un mondo che sta scomparendo, sotto l’egida dell’Unione Europea, che con il suo rigore farmaceutico sta spazzando via un universo pieno di colori e sapori, di tradizioni e usanze, il gusto dell’imprevisto e del proibito, la capacità di inventare stratagemmi di sopravvivenza, ma soprattutto sta cancellando anche un modo autentico di stare assieme.
“Trans Europa Express” è la trasposizione di un grande viaggio compiuto da Rumiz nell’estate del 2008 partendo da Kirkenes, Norvegia estrema, per fare capolino a Odessa, magica città ucraina sul Mar Nero. Nel mezzo, località come: Murmansk, Kaliningrad, Velikaja Guba, Narva, Ludza, Turka, Cernivci. Seimila chilometri macinati in treno, bus e raramente in auto. Sei chili di zaino, un piede zoppo e una cartina autoprodotta di una Europa assopita dai confini nazionali. E’ così che Rumiz, eterno nostalgico di tempi autentici, parte alla ricerca di regioni che la geografia del Novecento ha spazzato via: “Sulla mia carta fai-da-te non sono annotati stati-nazione, ma antiche regioni frontaliere inghiottite dalla geopolitica”. Botnia, Carelia, Livonia, Curlandia, Latgallia, Masuria, Polesia. Un viaggio verticale a ridosso delle frontiere, entrando e uscendo continuamente dalla fortezza Europa.

 

About the author

Paolo Rumiz (Trieste, 1947), è un giornalista italiano, inviato speciale del Piccolo di Trieste e poi editorialista di La Repubblica, dal 1986 segue gli eventi dell'area balcanica e danubiana. Durante la dissoluzione della Jugoslavia ha seguito in prima linea il conflitto, prima in Croazia e poi in Bosnia-Erzegovina.

Mirees

Find content by geopolitical unit

Sponsors