PECOB Portal on Central Eastern
and Balkan Europe
by IECOB & AIS
Università di Bologna  
 
Wednesday January 26, 2022
 
Testata per la stampa
Books

This area collects information about a wide range of books, monographies and edited volumes concerning the countries and themes relevant to PECOB

 
 
East, rivista internazionale di geopolitica
 
European Regional Master's Degree in Democracy and Human Rights in South East Europe
Feed RSS with the latest information on books published on PECOB
 

L'Italia e l'Europa orientale

Diplomazia culturale e propaganda 1918-1943

Autore: Stefano Santoro
Casa Editrice
: FrancoAngeli, 2005
pp: 432
Codice ISBN: 9788846464736
Prezzo: €38,00

La cultura svolse un ruolo niente affatto secondario nella strategia di espansione e dominio del regime fascista verso l'Europa orientale. Gli uomini di cultura e segnatamente i membri dell'"accademia", si collocarono spesso al primo posto nel compito che il regime assegnò loro quali agenti di una "diplomazia parallela" che, grazie alla sua duttilità e al suo prestigio, potesse giungere là dove la propaganda politica tout court mostrava i propri limiti.

Questo volume si propone di analizzare le modalità con cui il mondo della cultura italiano si rese disponibile per mettere in atto una più o meno cosciente diplomazia culturale a supporto della politica di potenza del fascismo verso Est. Tale forma di diplomazia, pienamente funzionale alle esigenze del regime, fu "propaganda", seppure in forma diversa dalla classica propaganda politica: lo fu nella misura in cui contribuì a diffondere gli stereotipi a carattere mitico della latinità, della romanità e quindi del destino imperiale di Roma nei confronti dell'Est europeo.

La condivisione di tali miti da parte di influenti circoli dell'establishment politico-culturale di quei paesi facilitò la penetrazione dell'ideologia fascista in quell'area geografica, anche se il velleitarismo del regime e la sua strutturale debolezza politico-economica e militare segnarono la sconfitta del progetto di egemonia culturale italiana a vantaggio della Germania nazista.

 

Indice

Presentazione, di Marco Palla
Nota dell'autore
Elenco delle abbreviazioni
Introduzione

1. Le grandi potenze e l'Europa orientale fino al primo dopoguerra
Le potenze europee e l'Europa dell'Est; Il conflitto mondiale e il moltiplicarsi dei contatti; L'Istituto per l'Europa orientale di Roma

2. Politica di potenza e penetrazione culturale italiana nella nuova Europa
Gli inizi della presenza culturale dell'Italia all'estero; I russi in Italia fra umanesimo e diplomazia; Le organizzazioni per la propaganda culturale; La penetrazione politico-culturale italiana negli anni Venti

3. Francia, Germania, Gran Bretagna e l'espansione culturale all'estero

La Francia inizia la penetrazione culturale verso l'Europa orientale; La Germania e il germanesimo all'estero; La Gran Bretagna

4. La diplomazia culturale negli anni Venti

La Cecoslovacchia fra occidente e slavismo; Il paese di Mattia Corvino: l'Ungheria; Latinità sul Danubio: la Romania; Il caso bulgaro fra diplomazia culturale e diplomazia religiosa; L'Albania, testa di ponte italiana nei Balcani; Rapporti difficili con la Jugoslavia; Pochi contatti con la Grecia; La Polonia, paese slavo ma "latino"; Paesi baltici e Finlandia

5. Gli anni Trenta

Il quadro internazionale; La nuova fase della penetrazione italiana verso l'estero e la centralizzazione della propaganda; La Francia e la "défense française"; Le istituzioni culturali della Germania nazista; La Gran Bretagna e il British Council

6. Diplomazia culturale e propaganda negli anni Trenta

Revisionismo e Mitteleuropa: Ungheria ed Austria; La Romania tra fascismo e Piccola Intesa; La Cecoslovacchia fino a Monaco; L'ambiguità bulgara fra anticomunismo e panslavismo; La Jugoslavia della Piccola Intesa all'Asse; I miti dell'Italia in Albania: Venezia e Scanderbeg; La Grecia di Metaxas; La Polonia, "che protende la civiltà di Roma verso il nord, tra la Germania e la Russia"; Il fascino del corporativismo sul Baltico

7. Gli anni della guerra

Trasformazione e crisi delle organizzazioni della propaganda italiana; La situazione delle altre potenze; Germania e Italia nella Jugoslavia occupata; Fra radici latine e propaganda tedesca: la Romania di Antonescu; Due paesi refrattari alla propaganda fascista: Bulgaria e Grecia; L'Ungheria fra Terzo Reich ed Unione Sovietica; Le istituzioni culturali italiane nel Protettorato di Boemia e Moravia

Conclusione
Indice dei nomi

 

L'Autore

Stefano Santoro ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia all'Università di Trieste ed è docente di ruolo di Lettere. Ha svolto ricerche in Italia e all'estero e ha pubblicato diversi saggi su riviste italiane e straniere affrontando il tema del rapporto fra politica estera, cultura e propaganda nel periodo fascista, soprattutto a proposito delle relazioni fra Italia ed Europa orientale. Attualmente collabora ad un progetto di ricerca sull' Ostpolitik italiana nel Novecento.

 

Anteprima

Clicca qui per vedere un anteprima del libro

Mirees

Find content by geopolitical unit

Sponsors